Indietro

Relazione sui Fondi europei di venture capital

13/03/2013

Relazione sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo ai fondi europei di venture capital

Rel: Philippe Lamberts


Esprimo un voto favorevole alla relazione, nella convinzione che l’istituzione di fondi europei di venture capital, soggetti a una disciplina specifica rispetto alla direttiva 2011/61/UE, possano costituire un importante strumento di ripresa e di crescita della competitività e dell’innovazione, in particolare nei Paesi in cui il credit crunch condizioni in maniera significativa il sistema produttivo, o laddove, per un complesso di ragioni, sia più debole la cultura di venture capital.

Benefici ancora più significativi si registreranno nei Paesi la cui struttura produttiva sia imperniata sulle PMI in settori ad elevato valore aggiunto, soprattutto tecnologico, con effetti positivi per l’occupazione e per il consumatore.

Con le previsioni, raccolte nel punto 2) della premessa, mi pare si stabilisca un corretto perimetro normativo di massima, che enfatizza valori di accessibilità e competitività. La declaratoria è stringente e promette di incentivare significativamente l’investimento nell’impresa giovane, innovativa e competitiva. Il combinato disposto degli articoli 1bis e 13 assicura una prospettiva di medio termine tale da garantire sostenibilità e valore strategico all’iniziativa in una prospettiva medio-lunga, riducendo significativamente il rischio di frodi o di una alterazione di stampo interventista del mercato, che sortirebbe effetti disastrosi.