Indietro

L'ultimo saluto al sen. Giulio Andreotti

06/05/2013

In questo momento, al profondo dolore per la scomparsa del caro senatore Andreotti vorrei unire la stima ed il ricordo della condivisione di un lunga stagione politica percorsa insieme.

Delle molte cose che si potrebbero dire sul grande uomo politico scomparso, vorrei sottolineare innanzitutto il Suo stretto rapporto con Alcide De Gasperi, che lo volle, giovanissimo, come sottosegretario alla presidenza del Consiglio: un segno di stima proveniente dal più grande Presidente del Consiglio dell'Italia unita, come oggi tutti riconoscono.

Questo rappresentò il viatico ad una carriera luminosa, al servizio del Paese, attraverso settanta e più anni percorsi da lacerazioni e contrasti, che, però, videro crescere l'Italia anche grazie al Suo prezioso concorso di uomo di Stato e di governo.

Noto e stimato all'estero, il Suo esempio ci sia da guida in un momento in cui tutti stanno acquisendo la consapevolezza che dalla crisi l'Italia potrà uscire contribuendo a salvaguardare la pace nel Mediterraneo, ancorandosi alle grandi realizzazioni europee e lavorando per far prevalere una società a misura d'uomo: i tre cardini della politica di Andreotti lungo un infaticabile lavoro durato mezzo secolo.

Ho avuto l'onore di essere un Suo stretto collaboratore, nella direzione nazionale del partito ed in tante battaglie dove si cercava di far prevalere più le ragioni che le posizioni.

Gli sono grato e con commozione ricordo la chiusura della mia campagna elettorale per le elezioni alla Camera dei Deputati, cui intervenne con la consueta sagacia, offrendo quel valore aggiunto fatto, al tempo stesso, di arguzia ed intelligenza degli avvenimenti.

L'Italia perde con Lui uno dei padri nobili della repubblica.

Possa il suo esempio illuminarci nelle scelte difficili che saremo chiamati ad assumere in spirito di coesione e coerenza con gli interessi più alti della nostra Italia, così come seppe far Lui in momenti, forse, ancor più drammatici di quelli, comunque non facili, che stiamo vivendo.