Indietro

Il Piemonte investe sulla scuola

30/11/2012

La Regione Piemonte continua nel suo impegno nei confronti del mondo scolastico. E' stata infatti presentata la seconda fase del Piano per l'edilizia scolastica, che ha previsto l'impiego di 40 milioni di euro, attraverso risorse interamente regionali.

Gli interventi che verranno finanziati riguardano la costruzione di 15 nuove strutture scolastiche e 182 interventi sull'edilizia esistente.

I 197 interventi, riservati ai Comuni con meno di 10mila abitanti, sono così suddivisi: 22 nell’Alessandrino per oltre 3,8 milioni, 17 nell’Astigiano per 4 milioni, 13 nel Biellese per oltre 2,3 milioni, 47 nel Cuneese per 9,9 milioni, 17 nel Novarese per 3,4 milioni, 57 in provincia di Torino per 12,5 milioni, 12 nel Vercellese per circa 2 milioni e 12 nel VCO per oltre 2 milioni.

Le nuove scuole saranno costruite in provincia di Torino (7: una materna a Scalenghe, una primaria a Chianocco, un istituto comprensivo a Inverso Pinasca, materna e primaria a Sauze d’Oulx, una materna a Robassomero, una primaria a San Maurizio Canavese e una materna a Druento), nell'astigiano (3: una materna a Mombercelli, una materna a Baldichieri d’Asti, una primaria a Calamandrana), in Provincia di Cuneo (4: una primaria a Faule, una materna a Cherasco, una materna a Trinità, una primaria a Bagnolo)e nel Novarese (una materna a Dormelletto).

Per i Comuni che pur essendo stati ammessi a finanziamento non potranno farne uso a causa dei limiti imposti dal patto di stabilità, la Regione approverà nei prossimi giorni una delibera che ne farà slittare i progetti al fondo della graduatoria senza eliminarli: in questo modo, se i limiti del patto di stabilità dovessero variare, potranno essere recuperati in un secondo momento, ma allo stesso tempo si eviterà che le risorse finanziarie disponibili vengano immobilizzate, trasformandole immediatamente in progetti esecutivi che aiuteranno anche lo sviluppo economico del territorio.